Armoriale delle famiglie italiane (Dos)

Da Armoriale.
Jump to navigation Jump to search

torna indietro

In araldica, un armoriale è una raccolta di armi o stemmi. Questa voce raccoglie stemmi portati da famiglie italiane il cui cognome inizia per Dos.

Stemma Casato e blasonatura
Coa fam ITA d'osa.jpg D'Osa (LAZ) (Roma)
Coa fam ITA d'osa glmb.jpg
(IT) di ..., a tre bande di ..., accompagnate da otto crescenti di ..., posti 1, 3, 3, 1 nel verso della pezza

(citato in GLMB n. 874)

Stemma da disegnare.png Dosati (LAZ) (Roma)
Coa fam ITA dosati BNVE 316.png
(IT) xxx

(citato in BNVE ms. 316 posizione 852)

Stemma da disegnare.svg Dosi (EMI) (Modena, Ferrara)

(IT) (la blasonatura non è stata ancora caricata)
(citato in UNFE)
Immagine nella Biblioteca Estense Universitaria (id. 802 e id. 4362 e id. 1271)

Coa fam ITA dosi.jpg

Coa fam ITA dosi2.jpg

Dosi (TOS) (Pontremoli, Pisa)

(IT) Di verde, alla fascia diminuita e abbassata di rosso, sostenente una colonna d'argento accollata da tre corone radiate d'oro, e sinistrata da una gru d'argento, coronata d'oro, e con la sua vigilanza dello stesso
alias:
(IT) Inquartato: nel 1º e 4º di verde, alla colonna accollata da tre corone radiate, e sinistrata da una gru con la sua vigilanza, il tutto d'argento; nel 2º e 3º d'azzurro, a due delfini controguizzanti in palo d'oro, sormontati da tre gigli dello stesso ordinati in capo; sul tutto inquartato d'azzurro e d'oro
(citato in ASFI)

Stemma da disegnare.png Dosi (EMI) (Bologna)
Coa fam ITA dosi blbo.png
(IT) (la blasonatura non è stata ancora caricata)

(citato in BLBO)

Stemma da disegnare.png Dosi (EMI) (Bologna)
Coa fam ITA dosi2 blbo.png
(IT) (la blasonatura non è stata ancora caricata)

(citato in BLBO)

Stemma da disegnare.png Dosi (xxx) (xxx)
(IT) xxx

(citato in BNVE ms. 323 pag. 14 posizione 499)

Coa fam ITA dosi delfini.jpg Dosi Delfini (LOM TOS) (Pontremoli, Milano, Pisa) Titolo: Marchese

(IT) inquartato: al 1º e 4º di verde alla colonna d'argento accollata di tre corone d'oro all'antica, sinistrata da una cicogna d'argento, coronata d'oro, tenente una palla dello stesso; il tutto sostenuto da una fascia in divisa, abbassata, di rosso; al 2º e 3º a due delfini d'oro affrontati e accompagnati in capo da tre gigli dello stesso
(citato in SPRE – Vol. II pag. 633)

Coa fam ITA dosi delfini2.jpg Dosi Delfini (LAZ) (Roma)

(IT) inquartato: nel 1º e 4º d'azzurro a due delfini affrontati d'oro, col capo d'Angiò; nel 2º e 3º di rosso al leone d'oro coronato dello stesso, col capo d'Angiò
Cimiero: un moretto tenente una fascia con scrittovi: Humanitas
(citato in SPRE – Vol. II pag. 634)

Stemma da disegnare.svg Dosina o Dosini (LIG) (Liguria)
Coa fam ITA dosina MUSS.png
(IT) (xxx)

(citato in MUSS – nr. 455)

Stemma da disegnare.svg Dosio (LIG) (Genova)

(IT) d'azzurro al leone di rosso, alla banda sul tutto d'oro
(citato in SCRF)

Stemma da disegnare.svg Dossati (LOM) (Milano)
(IT) (xxx)

(citato in CRMS)

Stemma da disegnare.svg Dossena (LOM) (Milano)
(IT) (xxx)

(citato in CRMS)

Stemma da disegnare.svg Dossena (LOM) (Pavia)

(IT) (la blasonatura non è stata ancora caricata)
(citato in DALE)

Stemma da disegnare.svg Dossena (LOM) (Garbagnate)

(IT) (la blasonatura non è stata ancora caricata)
(citato in GARB – pag. 200)

Stemma da disegnare.svg Dossena (LOM) (Lombardia)
Coa fam ITA dossena GARB.png
(IT) D’azzurro al monte di verde cimato da un aquila di bianco

(citato in GARB – pag. 200)

Stemma da disegnare.svg Dossi (LOM) (Lissone)

(IT) (la blasonatura non è stata ancora caricata)
(citato in LSSN – Vol. D pag. 38)

Stemma da disegnare.svg Dossi (LOM) (Milano)
(IT) (xxx)

(citato in CRMS)

Stemma da disegnare.svg Dossi (LOM) (Lombardia)
Coa fam ITA dossi LSSN.png
(IT) (xxx)

(citato in LSSN – Vol. D pag. 38)

Coa fam ITA dossi.jpg Dossi (LAZ) (Roma)

(IT) bandato d'azzurro e d'argento. Capo di azzurro caricato di due rose d'argento, bottonate d'oro, alla fascia d'oro attraversante sulla partizione
(citato in AMAY – Vol. I pag. 382)

Stemma da disegnare.svg Dossia o Dosio (LIG) (Liguria)
Coa fam ITA dossia MUSS.png
(IT) (xxx)

(citato in MUSS – nr. 1500)